H O M E        SAPERE        ATTIVITA´ QRP        OVERCLOCKING        ANTENNE        USARE        QTH LOCATIONS 
  COME PASSARE NEI PILE-UP
ATTIVITA´ QRP >> COME PASSARE NEI PILE-UP >> PILE-UP SPLIT

PILE-UP IN SSB, MODALITÀ SPLIT


L'operatore della stazione DX lavora in modalità split, che sollievo! È veramente una liberazione, perché operando in split si mettono a log molti più QSO rispetto al simplex.

Come si fa a entrare nel log di una stazione DX che opera in questa modalità?
ASCOLTATE, ASCOLTATE, ASCOLTATE...
Rileggete quanto detto a proposito del simplex, perché molte tecniche sono identiche.Avete controllato che il vostro transceiver sia impostato per operare in split?
ASCOLTATE per qualche minuto PRIMA di chiamare: avrete molte più probabilità di essere messi a log dopo poche chiamate ben piazzate sulla frequenza giusta.

Alcuni radioamatori lo fanno apposta e si divertono a tentare di "bucare" il pile-up con una sola chiamata.

Ascoltare per alcuni minuti prima di chiamare permette di:


Capire il ritmo di lavoro della stazione DX.


Capire l'ampiezza dello SPLIT adottato dalla stazione DX (per esempio, da 5 a 10 kHz in alto o in basso rispetto alla sua frequenza di chiamata). Questa informazione a volte viene comunicata dall'operatore DX (è il metodo migliore, ma sfortunatamente non tutte le stazioni DX lo seguono in modo sistematico e corretto), altrimenti dovrete cercare di capirlo da soli. Capire se avete un'effettiva possibilità di aprirvi un varco nel pile-up in quel momento (per esempio: la stazione DX sta lavorando solo giapponesi perché ora la propagazione è favorevole verso quella regione?).


Capire come la stazione DX si muove nella finestra dello split: comincia ad ascoltare dal basso per poi muoversi verso l'alto e ricominciare dal basso? Oppure, una volta raggiunto il limite superiore della finestra, torna lentamente indietro verso il limite inferiore?


Capire il passo con il quale la stazione DX si muove nel pile-up. Per esempio, se la finestra dello split è larga 10 kHz, l'operatore lavora le stazioni ogni 2 kHz, o piuttosto ogni 3 o 5 kHz? Oppure lavora un po' di stazioni nella parte inferiore della finestra, un po' nel mezzo e un po' nella parte superiore?

A questo punto:
Date il vostro nominativo UNA VOLTA sola, e ASCOLTATE.

Se metterete in pratica i punti fin qui illustrati, potete scommettere che di solito vi sarà facilissimo chiamare al momento giusto e sulla frequenza giusta. E no, non avrete bisogno di un kilowatt per riuscirci.

Ancora una volta: quando la stazione DX risponde a un nominativo compreso solo in parte e che non corrisponde al vostro, state zitti e non fiatate. Questo è un punto molto importante, sul quale bisogna insistere. Anche durante un'operazione in split, se chiamate quando non è il vostro turno, rischiate d'interrompere un QSO e ridurre la velocità e il ritmo della stazione DX. Anche se sentite altri comportarsi così, voi non fatelo!
Se invece di chiamare rimanete in ascolto, avrete la possibilità di capire chi la stazione DX stia lavorando e su quale frequenza.

È consigliabile chiamare dando il proprio nominativo una volta sola. Se l'operatore DX non è particolarmente abile, potrebbe essere necessario trasmettere il proprio nominativo per due volte - ve ne renderete conto sul momento. In ogni caso, due volte è il massimo, tre è da escludere: mi sto ripetendo, ma è un punto importante.

Gli stili operativi delle stazioni DX possono variare, e alcuni potrebbero esservi più graditi di altri. Per esempio, alcuni operatori lavorano "per numeri" per assottigliare il pile-up. Se il numero "in lavorazione" non corrisponde a quello del vostro prefisso, state zitti e non fiatate!  


     Home | News | Photogallery
 Dr.Arch. Andrea Cavattoni - Privacy - Note legali
Powered by Logos Engineering - Lexun ® - 19/07/2018